venerdì 27 gennaio 2017

Anthurium (Anturio): Coltivarlo In Casa E Moltiplicazione



La famiglia degli Anthirium (anturio) è originaria del Sud America; ha fiori costituiti da una spata e uno spadice: la spata è una specie di foglia colorata che cresce attorno a una infiorescenza a spiga, lo spadice.
L’anturio fiorisce per circa 8 settimane durante il periodo estivo, ma parecchie specie possono fiorire per la maggior parte dell’anno se vengono tenute a una temperatura costante di 21-27 °C. Coltivarlo in casa non è difficile, ma c’è bisogno di alcune accortezze. Questa pianta va collocata in piena luce, ma non al sole (l’ideale è la penombra luminosa), e va annaffiata senza eccedere, usando, se possibile, acqua piovana; una pianta che non deve mai restare completamente asciutta.

Durante l’estate gli anthurium gradiscono temperature intorno ai 27 °C e un’atmosfera molto umida. È bene sistemare la pianta in un sottovaso riempito di ciottoli bagnati e, quando fa molto caldo, spruzzare acqua due volte al giorno, preferibilmente la mattina e alla sera. Si rinvasa ogni due anni, in marzo, usando una buona composta formata da tre parti di torba e una parte di sfagno tritato e mescolato con un po’ di pezzetti di carbone di legna. Si somministra un fertilizzante liquido da aprile sino alla fine di settembre, una o due volte alla settimana. Ecco alcuni fertilizzanti liquidi molto validi:

Gli anturio richiedono temperature invernali non inferiori ai 15-18 °C. La pianta va annaffiata quanto basta a mantenere la composta appena umida e non deve essere concimata fino a primavera. Anche in inverno la pianta va protetta dall’insolazione diretta, senza metterla in completa ombra.

La moltiplicazione di questa pianta non è facile, soprattutto partendo dai semi, perché occorre mantenere costantemente elevate sia la temperatura che l’umidità. I semi vanno messi in una cassetta da semina all’inizio della primavera a 24 °C di temperatura e all’ombra, nella medesima composta che si usa per le piante adulte.

Le piante adulte invece, possono essere moltiplicate per divisione, in febbraio-marzo, usando un coltello ben affilato e pulito. I cespi vanno separati accuratamente, in modo che ogni porzione sia provvista di alcune radici e di un germoglio. L’operazione è comunque rischiosa perché la pianta può anche non riprendersi dallo shock che segue il taglio. Le nuove piantine vanno mantenute a una temperatura di 22 °C.

**Prodotti in grande offerta su Amazon, approfittane ora, compra subito**

Nessun commento:

Posta un commento