lunedì 22 dicembre 2014

La Yucca Pianta Da Appartamento: Cura E Coltivazione


La yucca è una delle piante da appartamento più facilmente riconoscibili, per via del caratteristico fusto legnoso, spesso e ruvido, in cima al quale si formano uno o più ciuffi di foglie a dorma di spada /ensiformi). Il genere comprende una quarantina di specie, che allo stato spontaneo raggiungono anche i 12 metri di altezza, ma solo alcune specie che crescono lentamente  possono essere tenute in vaso senza problemi.  Altre specie, che sopportano meglio il freddo invernale vengono invece coltivate come piante da giardino.
Yucca aloifolia presenta foglie di colore verde vivo, spesse, rigide, acuminate, con margini finemente seghettati, disposte a rosetta alla sommità dei fusti. Il tronco può raggiungere 1-1,20m di altezza e può formare alla base nuove rosette fogliari. Le infiorescenze (che non sempre si sviluppano, in appartamento)compaiono ine state e sono costituite da alti spirali di fiori bianco-gialli, talvolta soffusi di una tonalità di porpora. Esistono in commercio varie cultivar, tra cui ricordiamo “Marginata” con foglie verde carico e margini bianco-crema, particolarmente ricercata perché è ad accrescimento molto lento. 

Yucca elephantipes è così chiamata per la base ispessita del fusto che, allo stato spontaneo, ricorda la zampa d’elefante. Le foglie sono acuminate, di colore verde brillante; quelle giovani sono abbastanza rigide ed erette, mentre quelle più mature tendono a incurvarsi e a cadere.


La yucca vuole un’esposizione molto luminosa e gradisce anche il sole diretto. Attenzione però a non mettere repentinamente al sole una pianta vissuta sempre in mezz’ombra: le foglie ne verrebbero ustionate. Questa pianta sopporta ampie oscillazioni di temperatura. In estate non ha problemi, purché disponga di acqua e buona aerazione. Nei periodi più caldi è molto utile spruzzare acqua sul fogliame al mattino. In inverno, la minima notturna non deve mai scendere sotto i 10 °C. Si innaffia abbondantemente tra aprile e ottobre, senza però far ristagnare l’acqua nel sottovaso, e si diluisce un fertilizzante liquido nell’acqua d’innaffiatura ogni quattro settimane. 

Tra novembre e marzo si sospende la concimazione e si innaffia in quantità proporzionale alla temperatura ambiente, così da non lasciare asciugare troppo il substrato. Si coltiva in terriccio universale da vaso. Il rinvaso si effettua ogni anno nel periodo primaverile.

**Prodotti in grande offerta su Amazon, approfittane ora, compra subito**

Nessun commento:

Posta un commento