sabato 15 novembre 2014

Come Coltivare La Radermachera In Casa


Il genere di pianta Radermachera comprende una quindicina di specie, caratterizzate dal fatto di avere rami cosparsi da numerosissime lenticelle. La specie più usata da coltivare in casa è la Radermachera sinica, chiamata in inglese “China doll”, originaria dell’isola di Giava, che nella sua terra d’origine si sviluppa come albero, ma in vaso mantiene dimensioni più contenute, conferendo un tocco di freschezza esotica alla stanza. Tollera bene l’atmosfera degli ambienti riscaldati artificialmente e non necessita di troppa luminosità.

La pianta Radermachera ha foglie bipennate o tripennate di colore verde scuro, con nervature prominenti, ma esistono anche dei cultivar a foglie variegate. Nei luoghi d’origine o in serra fredda, questa pianta produce fiori a campanula di colore giallo vivo, che si aprono solo durante la notte ed emanano un profumo simile a quello dei garofani: non fiorisce, però, in appartamento. Si trovano in commercio sia esemplari in vaso sviluppati prevalentemente in altezza, sia coltivati in ciotola a forma cespugliata. In ogni caso, la Radermachera  si trova soltanto nei garden center specializzati, essendo una pianta non molto comune; si accomanda comunque di acquistare soggetti che siano già ben formati, con foglie prive di macchie.
Questa pianta ama la luminosità, ma non gradisce il sole diretto, soprattutto in estate. Si asatta anche alla mezz’ombra. In inverno la temperatura non deve scendere sotto i 13°C; in estate non ci sono problemi, ma se il termometro sale sopra i 25°C si devono intensificare le spruzzate sulle foglie. Le innaffiature devono essere moderate, ma regolari, ogni volta che il terriccio incomincia ad asciugare. Si raccomanda di mantenere umida l’atmosfera con nebulizzazioni di acqua sulle foglie oppure ponendo nel sottovaso argilla espansa o ghiaia umida.

Si raccomanda l’utilizzo di terriccio universale da vaso ben fertile e molto ben drenato grazie all’aggiunta di un po’ di sabbia e alla collocazione sul fondo del contenitore di uno straterello di ghiaia. Si rinvasa in primavera se le radici hanno ormai occupato tutto il vaso, utilizzando un contenitore non molto più grande di quello precedente.

Le foglie si devono pulire con un panno umido e quelle secche vanno tempestivamente eliminate. La Radermachera sopporta di essere collocata abbastanza vicino ai termosifoni, ma in questo caso la vaporizzazione di acqua sulle foglie deve essere assai frequente.
 
**Prodotti in grande offerta su Amazon, approfittane ora, compra subito**

Nessun commento:

Posta un commento