venerdì 26 settembre 2014

Ficus Benjamina: Cura E Manutenzione Per Tenerlo In Casa



Il genere Ficus, cui appartiene anche l’albero produttore dei ben noti frutti, è molto eterogeneo; parecchie specie, piuttosto delicate, vengono coltivate come piante d’appartamento o da serra.


Non tutti i ficus hanno grandi foglie e la specie illustrata nell’immagine sopra (Ficus Benjamina), differisce notevolmente dalle altre: è un piccolo albero elegante, con rami sottili, penduli, che in natura raggiunge dimensioni notevoli, ma in vaso non supera i 2-3 metri di altezza. I suoi rami sono coperti di foglie di colore verde vivo, quando sono giovani, e verde più cupo quando sono adulte; hanno una forma ellittica, sono lunghe circa 10cm e larghe 3cm e terminano con una punta. È una specie sempreverde, ma può perdere qualche foglia durante l’inverno, fatto che non deve allarmare, a meno che assuma proporzioni troppo evidenti; le foglie cadute verranno, progressivamente, sostituite non appena la pianta riprenderà il normale ciclo vegetativo in primavera. Il rinvaso si effettua in genere ogni anno quando la pianta è in fase di crescita; quando ha invece raggiunto le dimensioni ottimali, conviene sostituire una parte del terreno ogni anno e rinvasare solo ogni due o tre anni. 



Il Ficus Benjamina, come esposizione, gradisce una posizione ben illuminata, senza però ricevere luce solare in maniera diretta. La temperatura minima invernale non deve scendere al di sotto dei 14 °C; l’ideale è che si mantenga intorno ai 17 °C. Il freddo è deleterio per questo ficus e causa la caduta delle foglie. Durante il periodo estivo, è bene tenere all’aperto questa pianta, collocandola all’ombra e proteggendo il vaso, in modo da mantenere umidità costante.

Consiglio di innaffiare due volte la settimana durante la primavera e l’estate; d’inverno, è sufficiente bagnare quanto basta perché il terriccio non diventi mai asciutto, badando che l’acqua non ristagni nel sottovaso; naturalmente se il Ficus Benjamina vive in una stanza riscaldata col termosifone, le innaffiature dovranno essere più frequenti e abbondanti. Sia in estate sia in inverno, consiglio di bagnare le foglie con acqua tiepida, una volta ogni 15 giorni. In estate, è consigliabile somministrare ogni 15 giorni un concime liquido diluito nell’acqua delle innaffiature; d’inverno, le concimazioni vanno ridotte a una volta al mese.
Come terreno consiglio un miscuglio di terra da giardino, terriccio di foglie, sabbia e torba. Il substrato non deve mai diventare troppo asciutto, perché la siccità potrebbe anche far morire la pianta.
Per mantenere bello e lucido il fogliame è bene, con pazienza, ripulire delicatamente con un panno umido le foglioline dalla polvere, una volta al mese.

Nessun commento:

Posta un commento