domenica 15 aprile 2012

Piante Coleus: Cura E Manutenzione



Il genere Coleus raggruppa piante erbacee annue e perenni, con foglie opposte, semplici, picciolate, cuoriformi, a margine generalmente dentellato.
Quasi tutte le varietà che si trovano nei vivai sono derivate da incroci fra il Coleus blumei, con foglie rosse in origine, e il Coleus verschaffelti. Meno diffuso è il Coleus pumilus, a portamento pensulo, le cui foglie, di piccole dimensioni e di colore intenso, sono bordate di verde chiaro.
Affinchè il coleus resti folto, bisogna costantemente costringerlo a emettere nuovi germogli con decise e assidue cimature degli steli fiorali. Se lo si lascia fiorire infatti, il suo aspetto perde decisamente in bellezza. Inoltre, si possono tagliare di frequente e senza problemi le talee, rinfoltendo poi con queste la base della pianta.

Coleus blumei raggiunge i 60-90 cm di altezza, è originario di Giava e presenta foglie ovali, con margini profondamente dentati, di colore verde pallido, decorate con bande rossastro-porpora o ramate. Negli ibridi e nelle cultivar la colorazione delle foglie diviene molto varia, con zonature cremisi, rosa-bruno, gialle e così via. I bei colori vivaci spariscono rapidamente se la luce non è sufficiente, lasciando le foglie completamente verdi.
Coleus verschaffeltii, anch’esso originario di Giava, ha grandi foglie cremisi con al centro una macchia color porpora e margini verde scuro. 

Il Coleus è una pianta che in vaso, ha bisogno di molta luce, ma non deve mai essere esposta al sole diretto.
E’ una pianta che ama il caldo umido; non soltanto non sopporta il gelo, ma non deve essere esposta a temperature inferiori a 10 °C. In inverno quindi dovrebbe vivere in un ambiente moderatamente riscaldato con massime di 20 °C e minime notturne di 15°C.
Le innaffiature devono essere mlto frequenti, ma non troppo abbondanti; quotidiane in estate. In estate è inoltre necessario vaporizzare acqua sulle foglie, ma si tenga presente che un eccesso di acqua nello nel terreno fa marcire lo stelo, alla cui base si manifesta un anello scuro e grinzoso, e fa appassire e ingiallire le foglie. Nel periodo di crescita della pianta, da marzo a settembre, si somministra un fertilizzante liquido con l’acqua delle innaffiature una volta al mese.

Per il coleus è necessario usare un composto leggero e ricco di sostanze organiche. Per una condizione ideale si consiglia un miscuglio di terra da giardino, terriccio di foglie e sabbia.
I coleus vanno soggetti alle infestazioni da parte degli afidi, che si combattono effettuando trattamenti con macerato d’ortica. Anche la cocciniglia farinosa e i trepidi possono aggredire la pianta, soprattutto i germogli giovani: la prima si elimina con un pennellino imbevuto di alcool denaturato, i secondi con un insetticida a base di piretro.

3 commenti:

  1. Mi si è rotta la parte centrale e la pianta a nora è piccola cosa fare?

    RispondiElimina
  2. Mettila in un bicchiere d'acqua e quando farà le radici la puoi piantare

    RispondiElimina