mercoledì 7 marzo 2012

L’Ortica Bianca E I Suoi Benefici Sulle Donne


Anche l’ortica bianca appartiene alla sfera di competenza della medicina popolare. Per usi medici l’ortica bianca (Lamium album) è più impiegabile dell’ortica gialla (Lamium luteum), della quale di regola vengono impiegati solo i petali labiformi.
Il nome deriva dalla similitudine delle sue foglie con quelle dell’ortica, a differenza delle quali però non bruciano.

L’ortica bianca è diffusa in Europa e in Asia e cresce preferibilmente all’ombra, sotto piante più alte, come alberi e cespugli, specialmente nei giardini, ai margini delle strade, tra siepi e lungo i muri. Ama un clima fresco-umido. Raccogliendola da soli si deve fare attenzione, perché c’è tutta una serie di altre labiate con le quali può essere scambiata. Un aiuto per riconoscerla è il profumo caratteristico aspro-dolce.
La pianta è considerata come farmaco contro la tosse, espettorante e calmante lo stimolo. Riguardo ai disturbi femminili ci sono in primo luogo le mestruazioni irregolari e dolorose, le infiammazioni del basso ventre e la leucorrea. In questi casi è consigliabile anche l’uso esterno sotto forma di bagni. Un tè addolcito con miele di fiori di ortica bianca ha un effetto calmante e armonizzatore. L’ortica bianca è adatta a una donna equilibrata che si sente sostanzialmente felice. È femminile e sensibile, ma anche stabile e consapevole. In effetti in lei andrebbe tutto ottimamente, se solo non ci fossero questi disturbi.

Il tè di ortica bianca può anche aiutare ad asportare le impurità della pelle, malattie dermatologiche e acne giovanile.

1 commento:

  1. Non conoscevo tutte queste proprietà dell'ortica. E dire che spesso la consideriamo un'erbaccia da estirpare...

    RispondiElimina